sddefault

Santa Messa della Madre di Dio

Carissimi parrocchiani e non, comunichiamo che il giorno 31 dicembre, alle ore 22:30, verrà celebrata la S. Messa della Madre di Dio presso la nostra parrocchia di Sant’Ignazio da Laconi ad Olbia.

Pace e bene a tutti.

la-Santa-Messa

Veglia di Natale 2021

Si comunica che la solenne veglia di Natale sarà celebrata il giorno 24 dicembre, alle ore 22:30, presso il padiglione ex Audi.

Siete tutti invitati a partecipare.

Pace e bene.

presepe-credit-stefano-chiarato-sempionenews

Presepe vivente 2021

Carissimi parrocchiani e non, vi comunichiamo che il giorno 23 dicembre, al termine della Santa Messa delle ore 19:00, alle ore 20:30 circa, si terrà la rappresentazione del presepe vivente nello spazio adiacente alla chiesa di Sant’Ignazio da Laconi.

Siete tutti invitati a partecipare.

PRESEPE VIVENTE 2021

92714

Novena di Natale

Si comunica che il giorno 16 dicembre avrà inizio la novena del Santo Natale che si terrà subito dopo la Santa Messa delle ore 19:00.

Sia la Santa Messa che la novena verranno celebrate nell’auditorium accanto alla chiesa.

Siete tutti invitati a partecipare.

Pace e bene a tutti.

Jesus-Faustina-1-696x365

Santa Faustina – apostola della Divina Misericordia

Nella giornata odierna, 5 ottobre, festeggiamo Santa Faustina Kowalska, l’apostola della Divina Misericordia. L’appuntamento è alle ore 19:00 presso la nostra parrocchia di Sant’Ignazio da Laconi per la celebrazione della Santa Messa e l’ostensione delle reliquie.

Pace e bene a tutti. 

web3-monstrance-sunlight-gold-mari-tere

La Festa patronale di Sant’Ignazio da Laconi con il benvenuto a P. Massimiliano Sira.

Per il secondo anno consecutivo in osservanza alle disposizioni anti-covid 19 non si è tenuto il tradizionale raduno della bandiere votive presso l’abitazione dell’obriere, ma ciascuno ha portato in chiesa la propria, così sabato 19 giugno ha avuto inizio la festa del Santo Patrono fra Ignazio da Laconi.

Intanto la parrocchia viveva la novità dell’avvicendamento tra padre Fabrizio Congiu e padre Massimiliano Sira arrivato proprio dalla Fraternità di Laconi, il paese che ha dato i natali al santo cappuccino.

Padre Fabrizio è stato chiamato ad un incarico importante essendo stato nominato segretario della CIMP Cap in rappresentanza della Provincia Cappuccina di Sardegna e Corsica.

La CIMP Cap è la Conferenza Italiana dei Ministri Provinciali Cappuccini che ha lo scopo di promuovere la collaborazione tra i cappuccini e con i francescani in Italia, in Europa e negli altri continenti attraverso progetti di formazione sociale, culturale e religiosa.

A tutti noi, che con dispiacere abbiamo vissuto la sua partenza,  consola la certezza che svolgerà il gravoso incarico con la sua consueta serena efficienza.

La messa vespertina del sabato della Festa è stata celebrata da  padre Massimiliano Sira nel sagrato antistante la chiesa in una torrida serata estiva con l’animazione curata dai musicisti della parrocchia guidati da p. Carlo Frau.

In tanti ricordavano la sua precedente visita durante la festa patronale del 2017 in tempi che non conoscevano ancora le ristrettezze dovute alla pandemia da coronavirus.

Padre Massimiliano ha svolto tra gli altri incarichi quello di cappellano del carcere cagliaritano di Buoncammino, oggi chiuso a seguito del trasferimento della struttura penitenziaria ad Uta, dandogli un caloroso benvenuto siamo lieti che doni alla nostra comunità il suo carisma attraverso la sua sensibilità ed esperienza pastorale.

Al termine della messa è seguita la processione delle auto al seguito del pick up che ospitava il simulacro del santo per le vie della parrocchia.

La domenica della Festa la S. Messa solenne della sera è stata celebrata da p. Massimiliano nel nuovo salone parrocchiale secondo le norme di distanziamento per il contrasto alla pandemia. 

L’omelia ha messo in luce la straordinaria figura del frate questuante per le vie di Cagliari e la personale capacità di penetrare il Mistero di Dio attraverso la sua profonda umiltà, caratteristiche che fanno di fra Ignazio il santo più amato e venerato nell’isola, il santo di tutti i sardi. 

Anche quest’anno i festeggiamenti civili non hanno avuto luogo, con l’intercessione di Sant’Ignazio confidiamo che il prossimo anno tutte le limitazioni di ordine sanitario siano dimenticate e si possa festeggiare nella nuova chiesa a lui dedicata.

Gianfranco Pinna