Celebriamo la festa S. Francesco d’Assisi

san-francesco-riceve-le-stimmate

Olbia, 3 Ottobre 2015 nella parrocchioa di sant’Ignazio, dopo la messa delle ore 19.00 si celebrerà il pio transito di San Francesco d’Assisi. Il santo ha vissuto il suo trapasso come passaggio da questo mondo al padre completamente pacificato con la sua vita, ormai entrato nella benedizione nella lode.

Morì a S. Maria degli Angeli, adagiato sulla nuda terra, la sera del 3 ottobre 1226, ripetendo le parole dell’anima che si abbandona alla misericordia di Dio: “Voce mea ad Dominum clamavi…” (salmo 141). Due anni dopo la sua morte, Gregorio IX lo dichiarò santo e nel 1230 il suo corpo fu tumulato sotto l’altare della nuova Basilica eretta in suo onore.

Salmi 141

1 Maskil. Di Davide, quando era nella caverna.
Preghiera
.
2 Con la mia voce al Signore grido aiuto,
con la mia voce supplico il Signore;
3 davanti a lui effondo il mio lamento,
al tuo cospetto sfogo la mia angoscia.
4 Mentre il mio spirito vien meno,
tu conosci la mia via.
Nel sentiero dove cammino
mi hanno teso un laccio.
5 Guarda a destra e vedi:
nessuno mi riconosce.
Non c’è per me via di scampo,
nessuno ha cura della mia vita.
6 Io grido a te, Signore;
dico: Sei tu il mio rifugio,
sei tu la mia sorte nella terra dei viventi.
7 Ascolta la mia supplica:
ho toccato il fondo dell’angoscia.
Salvami dai miei persecutori
perché sono di me più forti.
8 Strappa dal carcere la mia vita,
perché io renda grazie al tuo nome:
i giusti mi faranno corona
quando mi concederai la tua grazia.

 

 

Lascia una risposta